sei qui home » Intercettazioni. Propulsioni, tangenze, deviazioni. Fatti e fenomeni dell’arte in Basilicata dall’era moderna

Intercettazioni. Propulsioni, tangenze, deviazioni. Fatti e fenomeni dell’arte in Basilicata dall’era moderna

Seminario a cura di Donato Faruolo

La modernità arriva in Basilicata in maniera netta, percettibile, come un fatto inatteso e indesiderato, esplosivo e persuasivo, ma di cui, da un certo momento in avanti, non si può fare a meno. Il complesso di inferiorità era, prima di allora, appannaggio delle classi intellettuali, le sole in grado di vedere il mondo per poi tornare con una «questione meridionale» in valigia. Ma dallo sfollamento dei Sassi di Matera alla Riforma agraria, fino al terremoto del 1980, ogni passo saliente del moderno si è proposto come introiezione di inadeguatezza, desiderio di legittima e necessaria emancipazione e, contemporaneamente, sradicamento: significativo che al centro di ognuno di questi eventi salienti del moderno ci sia l’abbandono della casa.
Da Levi a De Martino, fino alle più recenti esperienze della progettazione culturale e dell’arte relazionale alle soglie di Matera 2019, il percorso delineato da Donato Faruolo ha lo scopo di introdurre visitatori, artisti e futuri “residenti artistici” alle questioni salienti dell’arte in Basilicata, non per delineare territorialità da sottolineare, ma per prendere coscienza di quelle intertestualità che incorrono, indesiderate o progettate, in ogni lavoro che si nutra del viaggio.

Data

Lug 19 2019
Expired!

Ora

17:00 - 18:30

Etichette

Seminario
Castello di Lagopesole

Luogo

Castello di Lagopesole
Castello di Lagopesole